“Te lo spiego… anzi te lo infografico” - BIA network
16686
post-template-default,single,single-post,postid-16686,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vss_responsive_adv,vss_width_768,qode-theme-ver-16.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

“Te lo spiego… anzi te lo infografico”

“Te lo spiego… anzi te lo infografico”

Popolano il web e non solo.
Parliamo delle infografiche, quegli strumenti, in video o in immagine, colorati e schematici per veicolare informazioni rappresentate in forma visiva.
Concetti e dati, talvolta anche un tantino noiosi, trovano un’espressione logica e ordinata, comprensibile “a colpo d’occhio”.
Quando surfiamo nel mare magnum dell’informazione siamo tutti tendenzialmente pigri, distratti e superficiali; l’immediatezza con cui ci viene fornita un’informazione può fare la differenza.
Lo dicono decine di studi cognitivi: il nostro cervello adora i contenuti visuali: li capisce meglio, li elabora più in fretta, li ricorda meglio rispetto al solo testo.
Funziona per le informazioni complesse, figuriamoci per quelle divertenti

infografica divertente

infografica by GlitchAgency

 

infografica divertente

E qui molte altre divertenti infografiche http://www.truthfacts.com/

Vi abbiamo conviti?
E infografica sia. Adesso viene il difficile.
Bruno Munari diceva che “tutti sono capaci di complicare, semplificare è difficile”: il lavoro duro in un’infografica è quello concettuale che consiste nel selezionare, organizzare, strutturare i contenuti in un messaggio chiaro, una metafora visiva, una forma grafica piacevole.
Creare un’infografica è sempre un’avvincente sfida di comunicazione.
Per raccontare 35 anni di innovazione tecnologica INCAS, noi l’abbiamo affrontata così.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Brividi per comunicare
Una rinfrescata al logo?
Less is more

APPerò
Il mondo in tasca

Salva

Salva

Salva

Tags:
No Comments

Post A Comment